sabato 23 Gennaio 2021
Ultima ora
Dal territorio

Controlli anti Covid, Ulss 3: «Quasi 3mila quelli effettuati con “Piano SPISAL”»

Su 2954 controlli, 34 rapporti per inosservanze e quasi 1400 indicazioni di miglioramento

12 Gennaio 2021

Nel mondo delle attività produttive è in corso un vasto piano di controllo sulle aziende quanto al rispetto delle regole imposte dal contrasto al Coronavirus nei luoghi di lavoro. Questa azione di controllo, attiva dal 16 marzo, è denominata “Piano SPISAL”, ed è realizzato dal Servizio Prevenzione Igiene Sicurezza Ambienti di Lavoro, l’ente dell’Ulss 3 Serenissima preposto alla sicurezza là dove si svolgono attività lavorative.

 

Già effettuati 2954 controlli da metà marzo. Da quando il Piano è attivo, sono ben 2.954 i controlli effettuati sulle aziende del territorio, andando così ad incidere sulle condizioni di lavoro di una platea di più di 86.158 dipendenti.

 

«Il nostro SPISAL sta costantemente verificando, con ispezioni mirate dentro aziende sia pubbliche che private – sottolinea il Direttore Generale Giuseppe Dal Ben – che siano attive tutte le buone pratiche per permettere a chi lavora di farlo in sicurezza. Questo sforzo di monitoraggio e affiancamento per le aziende produttive è stato e continua ad essere importantissimo, a garanzia di tutto il territorio e di tutti i cittadini».

 

Lo SPISAL si è mosso in primo luogo con l’intento di sostenere le aziende nella fondamentale necessità di introdurre nuove modalità negli ambienti di lavoro, fornendo ad ogni azienda, anche a quelle direttamente sottoposte a verifica, tutte le indicazioni operative sulle misure preventive che era necessario attuare.

 

 

Su 2954 controlli, 34 rapporti per inosservanze e quasi 1400 indicazioni di miglioramento.

 

«Le 2954 ispezioni effettuate – spiega il Direttore Dal Ben – hanno avuto anche l’intento di verificare l’attuazione di queste misure preventive, e di sanzionare chi non le avesse adottate in pieno. Sui 2.954 interventi di controllo effettuati, solamente 34 hanno evidenziato inosservanze delle regole; in 1.367 casi però lo SPISAL ha indicato all’azienda ispezionata una o più azioni migliorative nelle misure di contrasto al contagio».

 

(ph: Shutterstock)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *