lunedì 1 Marzo 2021
BRANDED

Dolore cronico: cos’è e come la Neuromodulazione può alleviarlo?

Si tratta di una vera e propria patologia che affligge circa il 20% della popolazione italiana

21 Febbraio 2021

Il dolore cronico è una vera e propria patologia che affligge circa il 20% della popolazione italiana. Un dolore si definisce cronico quando la sintomatologia persiste nel tempo e spesso condiziona la vita di chi ne è colpito.

 

Le componenti del dolore cronico solo svariate: forme nevralgiche trigeminali, sindromi dolorose lombari, patologie correlate all’uso di farmaci antineoplastici, dolore post-chirurgico. Tutte quelle sindromi hanno come caratteristica l’assenza, o meglio, la perdita di connessione con la causa che ne ha determinato la comparsa.

 

Il dolore cronico è una patologia complessa che viene trattata sia con trattamenti di tipo farmacologico come i gavapentinoidi, i farmaci oppioidi e i farmaci antinfiammatori non steroidei, che con trattamenti di tipo interventistico generalmente mini-invasivi tra cui la Neuromodulazione.

 

L’impianto di Neuromodulazione spinale consiste nella collocazione di un elettrodo sotto la pelle lungo la colonna vertebrale attraverso un accesso percutaneo in anestesia locale. Tale elettrodo viene collegato ad un generatore di impulsi che genera un campo elettrico.

 

La Neuromodulazione basa quindi la sua efficacia su una modificazione della trasmissione nervosa a livello centrale, quindi a livello del Sistema Nervoso Centrale, per cui i sintomi dolorosi del paziente vengono modificati con delle “sensazioni diverse” che vanno ad esprimere una variazione significativa di quella che è la rielaborazione del dolore da parte del cervello, modificandone quindi la percezione del dolore stesso.

 

La Neuromodulazione spinale è indicata in tutte quelle patologie dolorose complesse, ovvero in quelle patologie che non trovano beneficio con l’utilizzo di trattamenti tradizionali farmacologici e di tipo riabilitativo.

 

 

Con il contributo incondizionato di Abbott

(ph: Shutterstock)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *