giovedì 21 Gennaio 2021
Ultima ora
Salute e benessere

Sanità: Mater Olbia, in due anni 53.621 pazienti assistiti, oltre 41mila prestazioni ambulatoriali

13 Gennaio 2021

Cagliari, 13 gen. (Adnkronos Salute) – In due anni, dall’apertura ad oggi, sono stati 53.621 i pazienti assistiti al Mater Olbia, solo nel 2020, con la pandemia per Covid 19 in corso, i ricoveri nella strattura della Qatar Foundation ci sono stati 3.390 ricoveri e 41.203 prestazioni ambulatoriali convenzionate erogate. Nel secondo anniversario dell’apertura dell’ospedale, i vertici della struttura hanno tracciato stamane un primo bilancio, tra presente e futuro.

“Sono stati due anni intensi in cui la struttura è divenuta sempre più centrale nel sistema sanitario dell’Isola e punto di riferimento per molti ospiti stranieri e vogliamo proseguire in questo solco” ha detto Lucio Rispo, membro del consiglio di amministrazione del Mater Olbia.

Il direttore generale, Franco Meloni, ha illustrato l’attuale situazione dell’ospedale: “ci sono 337 dipendenti, il cui 78% è sardo, un fatturato di 17milioni e mezzo e investimenti da parte di Qatar Foundation Endowment per 200 milioni. Con questi numeri l’ospedale Mater Olbia ha rilanciato la sua presenza in Sardegna, rispettando la propria vocazione internazionale e rivendicando un forte legame con il territorio”.

In vista ci sono numerose collaborazioni e partenariati in essere con istituzioni nazionali e internazionali quali il CNR, l’Università Cattolica, la QF Research e la sanità Pubblica del Qatar, oltre ai principali centri di ricerca mondiali. Anche sul fronte dell’emergenza Covid il Mater ha dato il suo contributo, con oltre 22 mila tamponi effettuati, con l’apertura, ad aprile e ottobre del reparto Covid e senza interrompere le attività di ricovero e ambulatoriali già precedentemente compromesse dall’emergenza.

“Il Mater Olbia – ha sottolineato Meloni – non è solo un nuovo attore nel panorama regionale, ma un giocatore che sa giocare bene la sua partita tenendo bene a mente che la strada è lunga e non sempre esiste un sentiero già tracciato”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *